Il Lupo della Vigna – La solitudine del vignaiolo

Se non avessi bevuto quel suo vino, la sera prima, non avrei potuto capire il suo tormento. Se non avessi visto lo scempio di ciò che resta delle sue vigne e della sua casa non avrei compreso quel calice amaro.

Annunci

Cacasenno e la biodinamica

Secondo i suoi detrattori più accaniti, l’Agricoltura Biodinamica non è altro che un patetico coacervo di pratiche esoteriche e stregonesche, applicate da agricoltori che agiscono o in malafede – per lo più guidati da secondi fini economici – o, nel migliore dei casi, da adepti stupidi creduloni che in buonafede applicano in maniera dogmatica dei principi privi di qualsiasi base scientifica.

Terra, sudore, lacrime e sangue

In un vino di vignaiolo, se vuoi cercarlo, ci trovi terra, sudore, lacrime e sangue. Nei miei vini c’è tutto questo e me ne frego dei giudizi sommari dei sommelier, dei redazionali delle riviste di settore e delle guide, dei blind tasting e delle medaglie.

La carne fa male?

Da tempo l’agricoltura ha smarrito il proprio ruolo fondante nel senso più antropologico: nutrire l’uomo nel corpo e nella mente (spirito) e nel rispetto delle leggi della natura.

Il matrimonio di Guido

“Caro Guido , ci vorrebbe un cambiamento. Un cambiamento radicale!”

Mentre pronunciavo quelle parole cercavo d’immaginare quali e quanti mutamenti un cambiamento radicale avrebbe potuto portare nella mia vita.

Terroir – I gesti della vita

Il termine terroir non significa più niente […]
obiettivo finale è fare profitto e in questo si è smarita l’identità e la cultura contadina in favore dell’agricoltura industriale.

Two wrongs don’t make a right

La collina di View of the World (vista sul mondo) è sicuramente uno dei posti più belli e interessanti del massiccio granitico che attraversa lo Zimbabwe da sud-est a nord-ovest, in quella zona denominata Matobo, terra di origine delle popolazioni Ndebele che costituisce una delle due principali etnie dello Zimbabwe assieme agli Shona.

Una vigna per papà

Uno dei piu’ bei regali che abbia mai ricevuto e’ un disegno. Un semplice disegno di un bambino di 8 anni.

Il Plantageneto e gli altri Senza Terra

Da qualche mese una domanda ricorrente mi tormenta: cosa mi succederebbe se per qualche motivo perdessi la mia terra o se qualcuno o qualcosa mi costringesse a separarmi da essa? Cosa mi accomunerebbe agli altri “senza terra” del mondo?

Finchè c’é pioggia c’é speranza

Sull’autostrada continuavo a ripetermelo: ma chi me l’ha fatto fare di andare al critical wine di Cardini? Dei tre giorni previsti per la fiera ne ho gia’ saltato uno e oggi le previsioni meteo non promettono niente di buono.